Consapevolezza e Prevenzione

Tedesco, L. M. R., Di Giuseppe, G., Napolitano, F., & Angelillo, I. F. (2015). Cardiovascular Diseases and Women: Knowledge, Attitudes, and Behavior in the General Population in Italy. BioMed Research International, 2015(9859), 1–7. "http://doi.org/10.1155/2015/324692"

 

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nella popolazione.

I fattori di rischio per le malattie cardiovascolari sono: dieta non equilibrata, inattività fisica, fumo, consumo di alcolici e obesità.

L’aumento di questi fattori nella popolazione sottolinea l’importanza della prevenzione primaria e secondaria.

La Fondazione “Il Cuore delle Donne” ha tra gli obiettivi statutari la diffusione della consapevolezza delle patologie cardiovascolari e dei comportamenti per la prevenzione con particolare attenzione al genere femminile.

Quale oggi la consapevolezza del genere femminile per le patologie cardiovascolari in Italia e quali le modalità di comportamento per ridurre il rischio?

A questo quesito risponde il lavoro citato pur nei limiti di un analisi limitata ad un solo territorio ( la Regione Campania) considerando le differenze alimentari, socioeconomiche e culturali che esistono in Italia.

La popolazione dello studio è stata costituita da 830 donne con le seguenti le caratteristiche:

  • età media 38 anni
  • quasi tutte coniugate (91.7%),
  • tre/quarti con più di un figlio
  • un/quinto laureata
  • impiego : 50%

 

La maggioranza delle donne intervistate (96%) ha dimostrato di conoscere l’esistenza delle malattie cardiovascolari.

la consapevolezza dei fattori di rischio è stata mediamente molto bassa (26%).

In particolare si è osservata una maggiore percezione del fumo (89,4%) e dell’ipercolesterolemia (74,7%) come fattori di rischio; il diabete e la familiarità sono scarsamente percepiti come fattori predisponenti alle malattie cardiovascolari.

In generale la conoscenza dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari è piuttosto bassa (26%) nella popolazione dello studio.

I comportamenti utili a ridurre l’incidenza di malattie cardiovascolari sono scarsamente praticati :

  • dieta 57%
  • attività fisica 41%

 

Le donne che avevano avuto una corretta informazione dal medico di base dimostravano una maggiore predisposizione ad eseguire comportamenti corretti per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Inoltre dal campione studiato emerge come anche i programmi televisivi svolgano un ruolo importate.

Questo importante lavoro epidemiologico sottolinea la necessità di iniziative che aumentino la consapevolezza delle malattie cardiovascolari e promuovano l’adesione a comportamenti corretti.

Condividi questo evento: