Solidarietà. Sconfina il successo del Gran Galà “Cena del Cuore” per la raccolta fondi solidarietà.

IIl  gran galà per una raccolta fondi di solidarietà.

In 750 per aderire all’iniziativa, la prima di una lunga serie di progetti, per la prevenzione, cura, ricerca, informazione, sulle malattie cardiovascolari della donna. A proporre la serata, che ha visto la numerosa partecipazione di persone persino da fuori regione, la Fondazione “Il Cuore delle donne” di recente costituzione.  

Una serata di beneficenza, dunque, in una location d'eccezione e di attrattive manifestazioni culturali a corredo: giusta premessa per spiegare il successo del 'Gran gala cena del cuore', svoltosi la sera dell’8 novembre, negli eleganti locali del Coriolis a Ripalimosani (CB) . Il gran Galà è stato preceduto da un momento culturale di presentazione del libro “Nutrire il cuore”. Sala piena anche per la presentazione del libro di Leda Galliuto e Giacinto Miggiano, con l'autrice precisa, attenta e motivata nelle spiegazioni. Presenza significativa quella della giornalista RAI della nota trasmissione 'Porta a porta” Vittoriana Abate e l'introduzione dell'evento a cura di Pina Petta, presidente dell'Ordine dei giornalisti del Molise. Notizie 'tecniche' importanti sono state garantite dalla prestigiosa presenza del prof. Vanoli dell'Università di Pavia. I rischi per la salute derivanti da una cattiva alimentazione, l'incidenza delle malattie cardiovascolari, spiegazioni scientifiche ed analisi giornalistica e letteraria del fenomeno: argomenti importanti che hanno tenuto incollati alle sedie spettatori competenti ed attenti. A margine della presentazione è stato consegnato con un collegamento via etere, il premio al prof. Giovanni Scambia, primario della sezione di ginecologia oncologica dell'Università Cattolica del Sacro Cuore e Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Il Cuore delle donne. Un premio per il suo impegno e la sua particolare attenzione nella ricerca e cura per le patologie oncologiche della donna.  

Subito dopo il 'gala' vero e proprio: le sonorità etniche proposte da Yasemine Sannino, cantante  poliglotta,  voce fluida e virtuosa  assieme a Cristiano Califano e Arnaldo Vacca. Un trio di alto prestigio musicale in ambito colto ed etnico. Tra un brano e l'altro la cantante  ha spiegato momenti della sua esperienza artistica, il suo essere italiana e turca, il periodo d'ispirazione sulle sponde del Mar Morto. A sorpresa è salito sul palco l'attore Cosimo Fusco, marito della Sannino e noto per la sua partecipazione alla pellicola cult, 'Angeli e demoni'. A corredo un menù nello stesso tempo semplice, ma di qualità e, soprattutto, a chilometro zero e vini 'alti' della tradizione meridionale. Madrina dell'evento è stata l'attrice Pamela Prati, che ha ringraziato gli organizzatori per la bella serata. La showgirl Prati ha sottolineato l’importanza di eventi di solidarietà e ha rivolto un appello per stimolare all’adesione per la raccolta fondi. Un ricordo particolare poi, è stato rivolto in memoria del “marito mai dimenticato” di una delle componenti del direttivo, Fernando di Laura Frattura. Per la Fondazione 'Il Cuore delle donne' una giornata felice, un'ottima raccolta fondi da destinare in beneficenza ed il ringraziamento dei tanti partecipanti soddisfatti.

Ringraziamenti, soddisfazione e meriti anche per tutti gli sponsor che hanno aderito, per gli organizzatori – il direttivo Cuore delle donne e il dipartimento della Cardiochirugia della Fondazione Giovanni Paolo II e la stessa Fondazione -, gli studenti dell’Istituto di Istruzione superiore “L. Pilla” di Campobasso per il servizio d’ordine di accoglienza e hostess Ampia, la diffusione mediatica della stampa alla quale va un doveroso ringraziamento.  Il successo di eventi come “Il Gran Galà” è il risultato di una sinergia, comunione di intenti, condivisione, promozione mettendo a disposizione i più differenti ed efficaci segmenti professionali. La multicanalità per la solidarietà.

 

di Press office

Condividi questo evento: